Ford, che emozione guidare una performance car!

Ford, che emozione guidare una performance car!

“Le montagne russe possono essere perfette per darci un brivido veloce, ma non possono accompagnarci al lavoro, ogni giorno”, ha detto il Dr Harry Witchel, Discipline Leader in Physiology. “Questo studio mostra come guidare una performance car significhi molto di più che spostarsi da un punto all’altro. In realtà, potrebbe essere una parte preziosa della routine quotidiana di benessere”. Niente di meglio allora che uno studio che mostri quanto le diverse attività a contenuto adrenalinico siano in grado di emozionare le persone e far battere il loro cuore. E tra le varie attività, anche guidare una macchina sportiva…
Lo studio condotto da Ford ha misurato i così detti momenti buzz – quei picchi emozionali che svolgono un ruolo fondamentale nel nostro benessere generale. I volontari hanno vissuto diverse esperienze: hanno applaudito la loro squadra di calcio preferita, guardato un episodio di Game of Thrones, goduto di un bacio appassionato con la persona amata o di un’intensa lezione di salsa.


Ford, lavorando con neuroscienziati e designer, ha dato vita alla ricerca e creato l’esclusiva Ford Performance Buzz Car, una Ford Focus RS, che grazie alla tecnologia dell’intelligenza artificiale si anima, in tempo reale, in funzione del tasso di adrenalina del guidatore e lo ripropone attraverso gli esterni dell’auto, che si illuminano e cambiano colore in base alle emozioni vissute.
Per condurre la ricerca e creare la Buzz Car, Ford ha utilizzato una Focus RS e collaborato con il team di Designworks.
Ogni buzz moment vissuto dal guidatore è stato analizzato utilizzando un sistema di intelligenza emozionale, che permette alla vettura di produrre un incredibile animazione composta da quasi 200.000 luci a LED integrate sull’auto, e che è stato sviluppato da Sensum, società leader nella tecnologia empatica…

Insomma, guidare una macchina sportiva ogni giorno può essere uno dei modi migliori per aumentare il senso di benessere e la propria soddisfazione emotiva? Decisamente sì, dato che alla fine è risultato che solo un giro sulle montagne russe ha superato l’emozione di guidare quotidianamente una performance car…

Lascia un commento