Ford, la forza delle idee

Ford, la forza delle idee

Ovale Blu, popolo di inventori. L’Ufficio Marchi e Brevetti americano quest’anno ha infatti rilasciato a Ford circa 1.500 brevetti per invenzioni ideate da propri dipendenti, il numero più alto rispetto a qualsiasi altra casa automobilistica, secondo i dati dell’Ufficio. Il numero di brevetti statunitensi riconosciuti ai dipendenti di Ford ha espresso un aumento del 25% rispetto al 2015
E comunque al di fuori degli USA sono stati rilasciati a Ford 1.700 brevetti, per un totale di 3.200 brevetti ottenuti dall’Ovale Blu in tutto il mondo.
A livello globale, i dipendenti Ford stanno spingendo sul piede dell’innovazione a un ritmo record: nel 2016 hanno presentato oltre 8.000 invenzioni con un aumento del 40% rispetto al 2015 e un salto di oltre il 90% rispetto al 2014.
Secondo i dati raccolti fino ai primi giorni di dicembre, sono state più di 5.500 le proposte creative messe a punto da dipendenti Ford, delle quali 2.200 presentate da ‘dipendenti-inventori’ al primo tentativo; dall’inizio del 2015 i ‘dipendenti-inventori’ sono stati oltre 4.000.
Ford_eChair-1
Qualche idea? Ad esempio eChair, invenzione concepita nella direzione dell’abbattimento dei limiti predefiniti: si tratta di una sedia a rotelle motorizzata elettricamente in grado di auto posizionarsi all’interno di un veicolo, sviluppata da Gunther Cuypers, Robin Celis e David Longin, ingegneri del team che opera presso i Proving Grounds di Ford a Lommel, Belgio. Il dispositivo è progettato per offrire una maggiore autonomia alle persone con mobilità ridotta, facilitandogli la vita.
Quest’anno è stata inoltre presentata Carr-E, sviluppata da Kilian Vas, ingegnere sistemista della sede di Colonia, Germania, una piattaforma elettrica guidabile con le dimensioni di una ruota di scorta, che può trasportare persone o oggetti fino a 120 kg, con un’autonomia di 22 km e una velocità massima di 18 km/h.
H2O_0232_HR
E poi On-the-Go H2O, sviluppato dagli ingegneri di Ford Doug Martin e John Rollinger serve per raccogliere e riutilizzare l’acqua di condensa del veicolo. Il sistema filtra quindi il fluido e lo pompa in un rubinetto situato all’interno della vettura fornendo acqua potabile.
E poi… e poi…
Quando si dice avere l’idea giusta…

Lascia un commento