Mitsubishi Outlander PHEV, la pioniera

Mitsubishi Outlander PHEV, la pioniera

Cinque anni fa, esattamente il 21 ottobre 2013, Mitsubishi Outlander PHEV iniziava il suo percorso con le prime vendite in Olanda.
Un anno dopo l’anteprima mondiale al Salone di Parigi del 2012, Mitsubishi Motors Corporation (MMC) percorreva territori inesplorati grazie a quest’auto – il primo SUV con quattro ruote motrici basato sull’architettura di una vettura elettrica.
A quel tempo la competizione sull’ibrido plug-in era quasi inesistente e le auto elettriche erano spesso circoscritte all’utilizzo esclusivo in città, nessuno dei modelli allora disponibili raggiungeva gli oltre 800 km di autonomia senza preoccupazioni garantiti da un Outlander PHEV ricco di accessori dedicati alla famiglia.
Cinque anni dopo, il pioniere è diventato leader del mercato ibrido plug-in in Europa, indipendentemente dal segmento. Che sia per la forza del marchio o per la struttura, con 115.448 vendite totali in Europa (fino al 30 settembre 2018 – dati MME) in costante crescita, sta diventando più popolare della concorrenza anche nei mercati europei con forti player locali come Germania o Svezia.
Cinque anni dopo, con il lancio del più sofisticato e avanzato modello 2019, l’Outlander PHEV continua ad essere un solista, a maggior ragione con il nuovo e più severo regime di emissioni WLTP che ha impoverito il grado dei potenziali concorrenti.
Intanto, il livello di emissione di 46g/km di Outlander PHEV va ad aggiungersi alla sua esclusiva proposta di mercato.

Lascia un commento