Toyota e l’Università di Verona: insieme per la mobilità sostenibile

Toyota e l’Università di Verona: insieme per la mobilità sostenibile

Toyota Motor Italia ha consegnato una Prius Plug-in al Rettore dell’Università di Verona, come primo segno di una partnership che accumuna Toyota all’Ateneo sui temi della mobilità sostenibile.
L’università di Verona è da molti anni impegnata nella diffusione di una cultura approfondita e maggiormente consapevole relativa alla sostenibilità, molte sono infatti le iniziative che hanno coinvolto l’Ateneo. Per trasmettere la conoscenza della mobilità sostenibile attraverso la ricerca scientifica e la divulgazione sul territorio è stata istituita la figura del Mobility Manager, l’Ing. Marco Passigato, che da oltre 10 anni opera per promuovere iniziative volte ad incentivare forme di mobilità personale plurali: dalla bicicletta, al maggiore utilizzo dei mezzi pubblici, dal muoversi maggiormente a piedi all’utilizzo più consepevole ed efficiente dell’auto.

Univ. Verona
La Prius Plug-in, che l’Università continuerà a guidare durante i prossimi mesi, essendo un veicolo ibrido ricaricabile, oltre ai vantaggi riguardanti il livello di emissioni di CO2,NOx e PM pari a zero, offre in più un’autonomia elettrica (modalità EV) estesa fino a 20 km, coprendo la maggior parte degli spostamenti urbani in una modalità a “Zero Emissioni”.  Sono necessari solo 90 minuti per una ricarica completa utilizzando una convenzionale presa di corrente.
I consumi si confermano a un livello eccezionale pari a soli 2,1 l/100 km, con emissioni di CO2 pari a 49 g/km.
La collaborazione tra Toyota e l’Università, è stata l’occasione per stimolare una discussione più ampia verso il tema della sostenibilità attraverso una Tavola Rotonda, il cui titolo è stato “La mobilità sostenibile è più pop di quanto pensi”.

Lascia un commento