Omicidio stradale, pene fino a 12 anni per un reato ad hoc

Omicidio stradale, pene fino a 12 anni per un reato ad hoc

Pronto alla discussione in Parlamento il disegno legge che prevede la creazione dell’articolo 589 bis e quindi l’introduzione del nuovo reato di omicidio stradale.
«Chiunque ponendosi alla guida di un autoveicolo o di un motoveicolo o di altro mezzo meccanico in stato di ebbrezza alcoolica o di alterazione psico-fisica conseguente all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope cagiona per colpa la morte di una persona, è punito con la reclusione da 8 a 12 anni». Così il testo unificato approda in commissione Giustizia di Palazzo Madama, presentato dal senatore del Pd Giuseppe Cucca. Per chi, anche sobrio, cagioni la morte procedendo a una velocità pari al doppio di quella consentita, è prevista la reclusione da sei a nove anni. La stessa pena si applica al conducente che si dia alla fuga dopo aver cagionato per colpa un sinistro stradale, con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale, dal quale sia derivata la morte di una persona. Se causa la morte di più persone, la pena può essere aumentata sino al triplo, ma non può superare gli anni diciotto.
Attualmente per un incidente in stato alterato da alcol o droga, in mancanza dell’omicidio stradale, è l’omicidio colposo il reato che viene contestato, comminando la reclusione da sei mesi a cinque anni. Se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena è della reclusione da due a sette anni.

controllo-stradale-polizia

Si applica la pena della reclusione da tre a dieci anni se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale da un soggetto in stato di ebbrezza alcolica, o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope.
Al vaglio anche l’ergastolo della patente, ossia il ritiro a vita in caso di guida in stato di ebrezza o sotto alterazione di droghe o sostanze psicotrope, che per ora, però, non è stato inserito nel testo unificato del relatore, proprio per velocizzare l’iter di approvazione del nuovo reato. Intanto contestualmente all’arrivo del testo al Parlamento, si sono svolte in 24 città italiane le manifestazioni per chiedere l’introduzione del reato di omicidio stradale.

Lascia un commento