Arriva il G-Vectoring Control di Mazda

Arriva il G-Vectoring Control di Mazda

Mazda Motor Corporation ha presentato il G-Vectoring Control (GVC), il primo sistema facente parte della SKYACTIV-VEHICLE DYNAMICS, ovvero la gamma di tecnologie Mazda per il controllo dinamico del veicolo.
Il concetto su cui si basa lo SKYACTIV-VEHICLE DYNAMICS è un altro risultato della filosofia di sviluppo Mazda centrata sull’uomo. Garantendo un controllo integrato del motore, trasmissione, telaio e carrozzeria, lo scopo ultimo dei futuri sistemi SKYACTIV-Vehicle DYNAMICS GVC è quello di migliorare la sensazione che Mazda ha chiamato Jinba Ittai (cavallo e cavaliere come una cosa sola) che Mazda si impegna a trasmettere con tutti i suoi modelli.
Con un approccio innovativo, il G-Vectoring Control (GVC) utilizza il motore per migliorare il comportamento del telaio e, con esso sia la tenuta che il comfort di marcia. Un primo sistema in grado di variare, dunque, la coppia del motore in base all’input dello sterzo, controllando in tal modo le forze di accelerazione e decelerazione sia laterali che longitudinali, per ottimizzare il carico verticale su ogni ruota.

logo_mazda

Il risultato è un netto miglioramento della trazione, una sensazione di fiducia per il conducente ed un aumento del piacere di guida. Il comportamento della vettura si avvicina maggiormente alle intenzioni del guidatore, e in questo modo si riduce anche la necessità di correzioni di sterzo, anche inconsci – e con essa la stanchezza del guidatore. E, rendendo più morbida la transizione delle forze, GVC aumenta il comfort riducendo la torsione.
I benefici di questa tecnologia sono percepibili a tutti i livelli, in una vasta gamma di situazioni, tra cui spostamenti urbani a bassa velocità, viaggi autostradali ad alta velocità, su strade tortuose, e anche durante le manovre di emergenza. In realtà, GVC è particolarmente efficace su superfici non lisce (come strade non asfaltate) o scivolose (a causa di pioggia o neve), in cui il sistema prende il controllo del veicolo in modo significativo

Lascia un commento