Ginevra delle Meraviglie

Ginevra delle Meraviglie

Dal 3 al 13 marzo Ginevra è pronta a emozionare i visitatori dello storico Salone dell’Auto con tante novità tecnologiche ed ecologiche, le immancabili supercar e ben 120 anteprime. Oggi il primo assaggio con l’apertura della manifestazione alla stampa di settore. Mazda porta a Ginevra due novità dalle caratteristiche davvero particolari – la Mazda RX-Vision, concept già pluripremiato di una vettura sportiva che monta il motore rotativo, e una Mazda3 che vanta il più basso livello di emissioni disponibile oggi in Europa – insieme alla gamma Europea al completo.

mazda
Ford porta al Salone di Ginevra, mostrandola per la prima volta al mondo dell’auto, la nuova generazione della Kuga, che si arricchisce di un nuovo design, motorizzazioni ancora più efficienti e di una ricca dotazione tecnologica che include il SYNC 3, la nuova versione del sistema di connettività e comandi vocali che debutta in Europa a bordo del SUV di medie dimensioni dell’Ovale Blu.
E poi Volkswagen con l’anteprima mondiale della concept car T-Cross Breeze, Fiat con il brioso 124 Spider che è giunto a Ginevra dopo un viaggio che l’ha portato in giro per l’Europa, SEAT che svela la ATECA, il suo SUV compatto con un modello destinato a diventare il terzo pilastro del Marchio, Suzuki con il debutto Europeo della Baleno.

E poi Citroën che presentà il concept E-MEHARI styled by Courrèges, una collaborazione tra due Marchi che, nel corso della loro storia, non hanno mai smesso di rivoluzionare un’epoca e le rispettive industrie, e di rappresentare la creatività alla francese.

E poi le auto da sogno con la Ferrari GTC4Lusso, la Lamborghini con la Centenario LP 770-4, Maserati con Levante e Aston Martini con la DB11. E le lussuose… Porsche, Bugatti, Bentley solo per fare qualche nome.
Intanto Mercedes incanta con nuova Classe C Cabrio, Jaguar propone la F-Type SVR, Peugeot evidenzia la 2008 restyling, Audi punta sulla Q2.

Mercedes-Benz C 400 4MATIC Cabriolet, A 205, 2016
Ma questo è solo un assaggio perché in questi dieci giorni all’insegna dell’Auto a 360 gradi ne vedremo veramente delle BELLE.

Lascia un commento