Al “Salone Auto e Moto d’Epoca”… tre Maserati d’annata

Al “Salone Auto e Moto d’Epoca”… tre Maserati d’annata

La Maserati, nell’anno delle celebrazioni per il 100° anniversario della fondazione, sarà presente al Salone Auto e Moto d’Epoca che si svolgerà a Padova dal 23 al 26 ottobre, con vetture classiche che testimoniano non solo un prestigioso passato, ma anche un presente di assoluto rilievo.Maserati A6GCS_53_Berlinetta veduta del posto guida
Eccole le tre Maserati di notevole valore storico che verranno esposte: una rarissima A6GCS/53 Berlinetta del 1954, una Mistral Spyder del 1964 e una Bora del 1971. Oltre alle affascinanti vetture del passato, il presente è rappresentato dalla Maserati Ghibli S Q4, berlina executive dal carattere sportivo.
La A6GCS/53 Berlinetta del 1954 in esposizione, firmata da Pinin Farina, è una dei soli quattro esemplari costruiti e appartiene alla collezione Panini.

Maserati Mistral Spyder_durante le celebrazioni per il Centenario
La Mistral Spyder presente, carrozzata Frua e caratterizzata dalla linea elegante e dallo stile “dolce vita”, risale al 1964 e fu presentata al salone di Ginevra; l’esemplare è uno dei 124 costruiti.

Maserati Bora_
La Bora esposta è un esemplare del 1971; il nome, mutuato dall’impetuoso vento, evoca la forza prorompente della vettura caratterizzata dal motore V8 centrale-posteriore e dalle elevatissime prestazioni.
La Maserati Ghibli S Q4 è la berlina executive dal carattere sportivo testimone del presente ed è caratterizzata dal motore V6 Twin-Turbo da 410 cavalli e dal sistema a trazione integrale “Q4”.
La partecipazione all’evento è gestita da “Maserati Classiche”, un organismo interno all’Azienda dedicato alle vetture d’epoca della Casa del Tridente e alla promozione del grande patrimonio automobilistico accumulato in 100 anni di storia; per l’occasione, sullo stand Maserati, saranno presenti alcuni tra i più esperti conoscitori delle vetture del Tridente, a disposizione di clienti e appassionati che interverranno alla manifestazione.

Lascia un commento