Andreucci e la sua Peugeot 208 T16 alle pendici dell’Etna

Andreucci e la sua Peugeot 208 T16 alle pendici dell’Etna

La saga delle “imprese impossibili” del pilota Paolo Andreucci si è arricchita di un nuovo emozionante capitolo: la salita alla cima dell’Etna alla guida della 208 T16 con cui ha vinto l’ottavo titolo nazionale rally. Questa volta l’avversario è uno dei più temibili: il vulcano attivo terrestre più alto d’Europa…
E le immagini che testimoniano questa salita sono veramente spettacolari…


«E’ stata una esperienza adrenalinica anche per me. Mentre salivo verso il cratere – racconta Paolo Andreucci – mi sembrava di essere su un altro mondo, affascinante e spettrale. A tratti era avvolto da nuvole che mi nascondevano la strada e dovevo guidare quasi alla cieca.. Poi all’improvviso le nubi si aprivano scoprendo su un paesaggio lunare, quasi infernale. E quel fondo stradale così strano … si muoveva sotto le ruote come fosse una cosa viva … che non ti dà mai la sensazione di controllare pienamente la vettura. Un’avventura che di certo ricorderò a lungo».

Lascia un commento